Perché Penso che Tutte le Scuole Dovrebbero Abolire i Compiti a casa

0 Comments
– Getty Images

Getty Images

Da Vicki Abeles

14 aprile 2017 2:17 PM EDT

Quanto è lungo il tuo bambino settimana lavorativa? Trenta ore? Quaranta? Ti sorprenderebbe sapere che alcuni bambini delle scuole elementari hanno settimane lavorative paragonabili agli orari degli adulti?, Per la maggior parte dei bambini, i compiti a casa obbligatori spingono la loro settimana lavorativa ben oltre il giorno di scuola e in profondità in ciò che qualsiasi altro lavoratore considererebbe gli straordinari. Anche senza sport o musica o altri extracurricolari sponsorizzati dalla scuola, il compito quotidiano slog mantiene molti studenti sull’orologio fino a quando avvocati, insegnanti, residenti medici, camionisti e altri adulti oberati di lavoro. C’è da meravigliarsi che, privati delle protezioni del lavoro che forniamo agli adulti, i nostri bambini stiano soffrendo un’epidemia di disimpegno, ansia e depressione?,

Con il mio bambino più piccolo a pochi mesi dal finire il liceo, sto ricordando tutta la miseria inutile e le opportunità mancate che tutti e tre i miei figli hanno sofferto a causa dei loro incarichi infiniti. Quando le mie figlie erano alle medie, le spingevo a letto prima di mezzanotte e poi le trovavo a studiare clandestinamente sotto le coperte con una torcia elettrica. Abbiamo tagliato le loro attività, ma ancora ci siamo trovati bloccati in un sistema su overdrive, tornando a casa da giorni frenetici a 6 p.m. solo per affrontare ore più di compiti a casa., Ora, anche come anziano con un carico di corso moderato, mio figlio, Zak, ha trascorso molti fine settimana a studiare, trovando poco tempo per l’esercizio fisico e l’aria fresca essenziale per il suo benessere. Settimana dopo settimana, e senza alcun extracurriculars, Zak registra molto di più rispetto alle 40 ore adulti tradizionalmente lavorano ogni settimana — e senza alcun riconoscimento da parte dei suoi “capi” che è troppo. Non riesco a contare il numero di serate condivise, gite di fine settimana e cene che la nostra famiglia ha perso e non potrà mai tornare.

Quanto tempo dopo la scuola dovrebbero davvero possedere le nostre scuole?,

Nel bel mezzo della follia dello scorso autunno, Zak mi ha detto: “Mi sento come se stessi lavorando verso la mia morte. Le richieste costanti sul mio tempo dal 5 ° grado sono solo andando a continuare attraverso la laurea, al college, e poi nel mio lavoro. E ‘ come se fossi su un tapis roulant senza tempo per vivere.”

Il mio spirito si sbriciolò insieme al suo.

Come Zak, molte persone stanno ora mettendo in discussione il punto di mettere così tanta domanda su bambini e adolescenti che diventano sottilmente allungati e oberati di lavoro., Gli studi hanno da tempo dimostrato che non vi è alcun beneficio accademico per i compiti delle scuole superiori che consumano più di un modesto numero di ore ogni settimana. In uno studio sui liceali condotto dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), i ricercatori hanno concluso che “dopo circa quattro ore di compiti a casa a settimana, il tempo aggiuntivo investito in compiti a casa ha un impatto trascurabile sulle prestazioni.”

Nella scuola elementare, dove spesso assegniamo gli straordinari anche ai bambini più piccoli, gli studi hanno dimostrato che non c’è alcun beneficio accademico per qualsiasi quantità di compiti a casa.,

La nostra accettazione indiscussa dei compiti a casa vola anche di fronte a tutto ciò che sappiamo sulla salute umana, sulla funzione cerebrale e sull’apprendimento. Gli scienziati del cervello sanno che il riposo e l’esercizio fisico sono essenziali per una buona salute e un vero apprendimento. Anche i migliori professionisti adulti in campi specializzati si prendono cura di limitare il loro lavoro a periodi concentrati di messa a fuoco. Uno studio di riferimento su come gli esseri umani sviluppano competenze ha scoperto che musicisti d’élite, scienziati e atleti svolgono il loro lavoro più produttivo solo circa quattro ore al giorno.,

Eppure continuiamo a sovraccaricare i nostri figli, privandoli della possibilità di coltivare la salute e imparare profondamente, gravandoli di uno squilibrio di compiti sedentari e accademici. Gli studenti delle scuole superiori americane, infatti, fanno più compiti a casa ogni settimana rispetto ai loro coetanei nel paese medio dell’OCSE, un rapporto del 2014 trovato.

È tempo di una rivolta.

Già, piccole ribellioni stanno iniziando. Le scuole superiori a Ridgewood, N. J., e Fairfax County, Va., tra gli altri, hanno vietato i compiti durante le pause scolastiche. L’intera seconda elementare alla Taylor Elementary School di Arlington, Va.,, abolito compiti a casa questo anno accademico. Burton Valley Scuola elementare a Lafayette, Calif., ha eliminato compiti a casa in gradi K attraverso 4. Henry West Laboratory School, una scuola pubblica K-8 a Coral Gables, Fla., eliminato obbligatorio, classificato compiti a casa per le assegnazioni opzionali. Una Lexington, Messa., la scuola elementare sta pilotando un anno senza compiti a casa, sostituendolo con la lettura per piacere.

Attraverso l’Atlantico, gli studenti in Spagna hanno lanciato uno sciopero nazionale contro gli incarichi eccessivi a novembre., E un insegnante di seconda elementare in Texas, ha fatto notizia questo autunno quando ha smesso di mandare a casa un lavoro extra, invitando invece le famiglie a “passare le serate a fare cose che hanno dimostrato di correlare con il successo degli studenti. Cenare come una famiglia, leggere insieme, giocare fuori e ottenere il vostro bambino a letto presto.”

È tempo che chiediamo a gran voce un cambiamento chiaro e semplice: un limite di settimana lavorativa per i bambini, contando il tempo sull’orologio prima e dopo la campanella finale., Perché le scuole dovrebbero estendere la loro autorità ben oltre i confini del campus, dettando le attività nelle nostre case nelle ore che appartengono alle famiglie? Un divieto totale di assegnazioni dopo la scuola sarebbe ottimale. In breve, possiamo almeno sensibilmente concordare un limite che limita i bambini a una settimana lavorativa di 40 ore e meno ore per i bambini più piccoli.

La resistenza anche a questo limite ragionevole sarà diffusa. Mike Miller, un insegnante di inglese presso la Thomas Jefferson High School per la scienza e la tecnologia di Alessandria, Va.,, trovato questo fuori in prima persona quando guidò un comitato di compiti a casa per ripensare l’approccio solito. Aveva letto la ricerca sull’educazione e trovato una politica dimenticata sui libri della contea che limitava i compiti a casa a due ore a notte, totale, comprese tutte le classi. ” Ho pensato che sarebbe stato uno slam dunk ” per mettere saldamente in posizione il tappo di due ore, ha detto Miller.

Ma immediatamente, la gente ha iniziato a ignorare. ” C’era molta paura nella comunità”, ha detto Miller. “È come saltare fuori da un’immersione alta con il futuro dei tuoi figli. Se riduciamo i compiti a casa a due ore o meno, mio figlio stara ‘ davvero bene?,” Alla fine, il comitato ha accettato solo un divieto di compiti a casa durante le pause scolastiche.

La risposta di Miller è un ottimo modello per tutti noi. Decise di limitare i compiti nella sua classe a 20 minuti a notte (il massimo consentito per uno studente con sei classi per raggiungere il massimo di due ore). I suoi studenti non fallirono improvvisamente. I loro punteggi dei test sono rimasti stabili. E hanno iniziato a usare il loro programma più traspirante per fare un lavoro più creativo e riflessivo.

Questo è il modo in cui arriveremo a un programma di lavoro sano per i bambini: perseguendo contemporaneamente cambiamenti grandi e piccoli., Anche se collaborativamente premiamo per cambiamenti politici a livello distrettuale o individuale, tutti gli insegnanti possono agire ora, come individui, per alleviare la tensione sui bambini oberati di lavoro.

Come genitori e studenti, possiamo anche organizzarci per rendere i compiti a casa l’eccezione piuttosto che la regola. Possiamo insistere affinché ogni famiglia, insegnante e studente sia autorizzato a rinunciare alle assegnazioni senza penalità per fare spazio a attività importanti, e possiamo cercare cambiamenti che spostino gli esercizi e le assegnazioni pratiche nell’effettivo giorno scolastico.,

Sapremo il nostro lavoro è fatto solo quando Zak e ogni altro bambino può orologio fuori, mangiare la cena, dormire bene e rimanere in buona salute — le cose stesse necessarie per impegnarsi e imparare profondamente. Questo è lo standard di base che la legge si applica agli adulti che lavorano. Facciamo lo stesso per i nostri figli.

Vicki Abeles è l’autrice del bestseller Beyond Measure: Rescuing an Overscheduled, Overtested, Underestimated Generation, e regista e produttrice dei documentari “Race to Nowhere” e “Beyond Measure.”

Contattaci all’indirizzo [email protected]


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *